Buoni fruttiferi postali 2016: sono davvero convenienti? Guida

buoni fruttiferi postali 2016

Buoni fruttiferi postali 2016 Poste Italiane

I buoni fruttiferi postali sono da sempre considerati forme di investimento sicuro, ossia in cui il risparmiatore non rischia di perdere il proprio denaro. Gli interessi corrisposti però non sono molto alti e questo porta molti a chiedersi se i buoni fruttiferi postali 2016 siano davvero una soluzione conveniente in termini economici.

Certamente questa forma di investimento presenta dei vantaggi dal punto di vista della tassazione. Sui buoni fruttiferi infatti si applica un’aliquota del 12,50%, molto inferiore al 26% previsto per i conti deposito e a quella del 20% imposta sui conti correnti. Altro aspetto assolutamente positivo è quello del rischio, che è pari a zero.

Come i Bot infatti i buoni fruttiferi postali sono emessi da Cassa Depositi e Prestiti e vengono garantiti dallo Stato Italiano. A differenza di quanto accade con i Bot però il prezzo dei buoni postali non oscilla, ma rimane quello nominale a cui si sono acquistati.

Buoni fruttiferi postali 2016 rendimento

In linea di massima però i rendimenti dei Bfp sono più bassi di quelli corrisposti per i Bot. Secondo molti analisti le cause di questi interessi così bassi sono da ricercarsi essenzialmente nel rischio legato all’investimento. In pratica, i buoni postali sono percepiti come “più sicuri” rispetto ai titoli di Stato e di conseguenza gli interessi corrisposti sono più bassi.

C’è poi un altro aspetto da considerare: la presenza sul territorio. Gli uffici postali si trovano praticamente su tutto il territorio Italiano, anche nei paesini più periferici dove invece di solito ci sono pochi sportelli bancari. Fattore che consente inoltre l’istaurazione di un vero e proprio rapporto di fiducia tra i clienti, soprattutto i più anziani, e gli addetti degli uffici postali.

Ma come scegliere tra le tante tipologie di buoni postali? Il rendimento previsto per le varie pezzature di buoni fruttiferi varia a seconda dei casi. Alcune volte il rendimento è fisso crescente, altre è fisso unito ad una quota variabile e altre volte ancora è solo fisso. Variabili anche le durate temporali che ad oggi possono andare da pochi mesi a qualche decennio.

Buoni fruttiferi postali 2016 quali scegliere

A risultare più redditizi sono i buoni a lunga scadenza come quelli ordinari (20 anni). Molto famosi i buoni indicizzati all’inflazione che mirano a garantire all’investitore l’adeguamento dei propri risparmi all’incremento del costo della vita.

Come tutti i prodotti di investimento i Bfp sono soggetti all’imposta di bollo, che è dovuta però solo se l’ammontare complessivo posseduto supera la soglia dei 5 mila euro. L’aliquota applicata è del 0,2%.

Ma investire in buoni fruttiferi postali 2016 è davvero conveniente? Per i risparmiatori poco propensi al rischio, questa ci sembra una soluzione ideale per iniziare ad investire in proprio denaro senza rischiare di perderlo. È certo però che i rendimenti rimangono molto bassi.

Tuttavia la garanzia statale e la possibilità di svincolare il proprio denaro in qualsiasi momento senza perdere parte del capitale investito sono vantaggi da non sottovalutare. Va ricordato infine che i Bfp non prevedono costi di gestione.

Guide e Consigli per Investimenti sicuri

Come investire oggi i propri risparmi: soluzioni 2016 Investire i risparmi: una questione di approccio Come investire oggi i propri risparmi? Un tempo, chi riusciva a raggranellare qualche risparmio era dominato da una paura particolare: l’inflazione. Oggi lo scenario è radicalmente cambiato, i prezzi sono praticamente fermi. A preoccupare, in questo ...
Obbligazioni indicizzate all’inflazione: BTP e corporate Obbligazioni indicizzate all'inflazione cosa sono e come funzionano i BTP-I In molti conoscono i tradizionali Buoni del Tesoro Poliennali, titoli di credito a medio-lungo termine con scadenza a 3, 5, 7,10, 15 o 30 anni, ma non tutti conoscono l’esistenza dei BTP-I, obbligazioni indicizzate all’infl...
Perché è importante diversificare gli investimenti e guadagnare Perché è importante diversificare gli investimenti? Sono tantissime le persone che si fanno questo tipo di domanda, considerando in particolare l’incertezza dei mercati azionari e la necessità di chiamare in causa soluzioni alternative. Diversificare gli investimenti: ecco di cosa tenere conto Qua...
Investimenti postali: buoni fruttiferi per una maggiore garanzia Buoni fruttiferi postali: rendimenti fino al 4,75% Gli investimenti postali sono ideali soprattutto per chi non vuole assolutamente rischiare, ecco perché i buoni fruttiferi postali offerti da Poste Italiane restano la migliore scelta per chi vuole investire i propri soldi  senza necessariamente ri...
Miglior investimento postale: rendimento e tutela del capitale Investire i propri soldi in buoni postali è una scelta fatta da sempre più persone, dal momento che il mercato azionario è caratterizzato da un’incertezza che può procurare problemi. Per questo motivo è utile informarsi sul miglior investimento postale. Investimenti postali: ecco perché sceglierli ...