Investire all’estero: le opzioni più convenienti

Conviene investire all’estero? La risposta non è scontata

L’Italia non è un paese per investitori. O almeno questa è l’impressione, a giudicare da una burocrazia troppo elefantiaca e da un carico fiscale molto pesante. Eppure, non è detto che investire all’estero rappresenti una soluzione migliore. Sono numerosi gli elementi da considerare. In linea di massima, le preoccupazioni riguardano la svalutazione. Dopotutto, il denaro, per chi vuole investire all’estero, va speso in euro. Eppure, con qualche accorgimento, è possibile far fruttare il capitale in modo veloce e moderatamente sicuro. Di seguito, una lista di consigli per investire all’estero.

  • Prendere in considerazione l’investimento lordista. Il meccanismo è semplice, si impegna il proprio capitale in conti, fondi etc. di paesi a bassa tassazione e con una legislazione molto “easy”, come il Lussemburgo e la Svizzera. Sia chiaro, il prelievo fiscale è “italiano” (altrimenti sarebbe illegale) ma è anche vero che la tassazione viene differita dal momento che gli stati esteri non possono fungere da sostituti d’imposta.

Dove investire all’estero: le normative straniere

  • Visitare la nazione ospitante. Investire in modo cieco, o studiando la situazione da lontano, è rischioso. Il consiglio è soggiornare per almeno tre mesi nel paese dove si intende investire, in modo da verificare la situazione economica e compiere una scelta più consapevole.
  • Studiare le obbligazioni estere Rand. In genere, “emigrare” per investire in obbligazione è considerato molto rischioso per via della svalutazione, in grado di erodere quasi completamente i rendimenti. La variante “Rand”, tuttavia, pone al riparo da questo rischio.
  • Studiare la legislazione. L’approccio normativo può essere molto diverso da un paese all’alto. E’ bene essere consapevoli delle differenze, in modo da evitare spiacevoli sorprese, anche qualora la situazione sembrasse nettamente più favorevole.
  • Considerare il Portogallo. I paesi che vengono in mente quando si parla di investire all’estero sono i classici Lussemburgo, Svizzera e – per il settore immobiliare – la Grecia. Eppure, sempre rimanendo in Europa, c’è un alto paese che offre garanzie in questo senso: il Portogallo. La tassazione è bassa ma non bassissima, ma in compenso la normativa per la creazione di una impresa è davvero semplificata, e lo stesso si può dire delle procedure.

Investire all’estero 2016: la questione del conto deposito

Vi è infine una possibilità a cui raramente gli investitori pensano: il conto deposito all’estero. E’ davvero conveniente? L’idea è quella di sfruttare un meccanismo sicuro come quello del conto deposito, ma di godere di rendimenti nettamente più alti. A destare preoccupazioni, però, è il problema di sempre: la svalutazione.

Il consiglio, dunque, è prendere in considerazione il conto deposito all’estero ma di scegliere paesi che non hanno una inflazione alta e che non tendono alla svalutazione competitiva. Tra questi spicca la Cina, che è pur sempre un mercato emergente, ma ha una politica monetaria strettamente controllata dal Governo.

Guide e Consigli per Investimenti sicuri

Nuovi investimenti. Come adeguarsi al cambiamento del mercato della pubblicità digitale. Il giro d'affari della pubblicità digitale è in continua crescita; sono necessarie nuove strategie per fare investimenti sicuri e stare al passo con i tempi. Gli investimenti pubblicitari dello scorso anno, secondo alcune stime, sarebbero cresciuti fino a superare il 3%. A trainare il mercato della...
Tassazione Capital Gain: trattamento fiscale dell’investimento per il 2019 Con il termine capital gain (guadagno in conto capitale o utile di capitale) si indica la differenza tra il prezzo di vendita e quello di acquisto di uno strumento finanziario. Solitamente viene associato al mondo dei titoli azionari, ma in realtà lo si può realizzare anche con altri ...
Investimenti immobiliari all’estero: dove conviene nel 2019 La ricerca di un investimento immobiliare all’estero può essere dettata da molteplici fattori. Tra le più comuni vi può essere il desiderio di avere una seconda casa per le vacanze. Oppure decidere di comprare una proprietà vantaggiosa per poi affittarla. Anche il semplice desiderio di godersi la p...
Investire piccole somme: ecco i consigli migliori Investire piccole somme può essere la strategia giusta per muovere i primi passi nella gestione di titoli, a prescindere dalla realtà che li ha emessi. Come investire con sicurezza il proprio denaro: perché partire con somme contenute Investire piccole somme conviene soprattutto se si è alle prime...
Come investire 20.000 euro nel 2019: guida all’investimento migliore Dove investire 20.000 euro oggi? ecco come scegliere l’investimento migliore Come investire 20.000 euro nel 2019? Una domanda che senza dubbio interessa tanti piccoli risparmiatori che desiderano avviare un piano di risparmio a medio o lungo termine per far fruttare il proprio capitale. A differenz...
Risparmiare o investire: come capire cosa fare al momento giusto Nel momento in cui si è messo da parte un bel gruzzoletto, sono in molti a porsi il dilemma se sia meglio risparmiare o investire. La risposta in questa circostanza è "dipende". Come capire cosa fare al momento giusto? Vediamolo insieme nei dettagli. E’ meglio risparmiare Quello degli investiment...
Come investire 50.000 euro? Chi ha una certa somma messa da parte, ad esempio 50.000 euro, e vuole farla fruttare potrebbe decidere di lanciarsi nel mondo degli investimenti. Tuttavia investire 50.000 euro è una scelta considerevole, che va ponderata con cura. Infatti potrebbe trattarsi dei risparmi di una vita, di una vinc...