Investire all’estero: le opzioni più convenienti

Conviene investire all’estero? La risposta non è scontata

L’Italia non è un paese per investitori. O almeno questa è l’impressione, a giudicare da una burocrazia troppo elefantiaca e da un carico fiscale molto pesante. Eppure, non è detto che investire all’estero rappresenti una soluzione migliore. Sono numerosi gli elementi da considerare. In linea di massima, le preoccupazioni riguardano la svalutazione. Dopotutto, il denaro, per chi vuole investire all’estero, va speso in euro. Eppure, con qualche accorgimento, è possibile far fruttare il capitale in modo veloce e moderatamente sicuro. Di seguito, una lista di consigli per investire all’estero.

  • Prendere in considerazione l’investimento lordista. Il meccanismo è semplice, si impegna il proprio capitale in conti, fondi etc. di paesi a bassa tassazione e con una legislazione molto “easy”, come il Lussemburgo e la Svizzera. Sia chiaro, il prelievo fiscale è “italiano” (altrimenti sarebbe illegale) ma è anche vero che la tassazione viene differita dal momento che gli stati esteri non possono fungere da sostituti d’imposta.

Dove investire all’estero: le normative straniere

  • Visitare la nazione ospitante. Investire in modo cieco, o studiando la situazione da lontano, è rischioso. Il consiglio è soggiornare per almeno tre mesi nel paese dove si intende investire, in modo da verificare la situazione economica e compiere una scelta più consapevole.
  • Studiare le obbligazioni estere Rand. In genere, “emigrare” per investire in obbligazione è considerato molto rischioso per via della svalutazione, in grado di erodere quasi completamente i rendimenti. La variante “Rand”, tuttavia, pone al riparo da questo rischio.
  • Studiare la legislazione. L’approccio normativo può essere molto diverso da un paese all’alto. E’ bene essere consapevoli delle differenze, in modo da evitare spiacevoli sorprese, anche qualora la situazione sembrasse nettamente più favorevole.
  • Considerare il Portogallo. I paesi che vengono in mente quando si parla di investire all’estero sono i classici Lussemburgo, Svizzera e – per il settore immobiliare – la Grecia. Eppure, sempre rimanendo in Europa, c’è un alto paese che offre garanzie in questo senso: il Portogallo. La tassazione è bassa ma non bassissima, ma in compenso la normativa per la creazione di una impresa è davvero semplificata, e lo stesso si può dire delle procedure.

Investire all’estero 2016: la questione del conto deposito

Vi è infine una possibilità a cui raramente gli investitori pensano: il conto deposito all’estero. E’ davvero conveniente? L’idea è quella di sfruttare un meccanismo sicuro come quello del conto deposito, ma di godere di rendimenti nettamente più alti. A destare preoccupazioni, però, è il problema di sempre: la svalutazione.

Il consiglio, dunque, è prendere in considerazione il conto deposito all’estero ma di scegliere paesi che non hanno una inflazione alta e che non tendono alla svalutazione competitiva. Tra questi spicca la Cina, che è pur sempre un mercato emergente, ma ha una politica monetaria strettamente controllata dal Governo.

Guide e Consigli per Investimenti sicuri

Trading Online: Che cos’è e come funziona? Guida Utile Se ne sente parlare spesso, ma raramente si sa bene di cosa si sta parlando. Il trading online è un eccellente strumento per investire i propri risparmi tramite il web. Per riuscire a investire al meglio il denaro è fondamentale poter contare su delle basi solide, studiando e informandosi continuame...
Investimenti immobiliari all’estero: dove conviene nel 2019 La ricerca di un investimento immobiliare all’estero può essere dettata da molteplici fattori. Tra le più comuni vi può essere il desiderio di avere una seconda casa per le vacanze. Oppure decidere di comprare una proprietà vantaggiosa per poi affittarla. Anche il semplice desiderio di godersi la p...
Investimenti seed cosa sono e a chi si rivolgono Seed capital: di cosa stiamo parlando Sono ancora poco diffusi in Europa, quasi per nulla in Italia, ma negli Stati Uniti sono una realtà consolidata. Gli investimenti seed rappresentano un unicum nel panorama dei finanziamenti, sia dal punto di vista del meccanismo che da quello riguardante gli ob...
Banche online: come funzionano e perché sceglierle Banca online vs banca tradizionale Perché scegliere banche online? L’avvento delle tecnologie digitali ha rivoluzionato un po’ tutti gli aspetti del vivere comune, tra cui alcuni che in genere non eccellono per senso di innovazione o per temerarietà. Anche il sistema creditizio, infatti, si è ad...
Brexit: quali saranno le conseguenze per le città italiane Brexit conseguenze: l’impatto sulle città italiane Quali saranno le conseguenze della Brexit per l’economia italiana? Quali i centri che ne risentiranno di più? Le partecipazioni inglesi nel nostro Paese sono concentrate principalmente a Milano, Roma e Genova. In particolare ad essere più esposto a...
Investimenti Vincenti: Perchè investire in formazione? Consigli per Investimenti Vincenti: Formazione in crescita Nei periodi di crisi come quello che ormai stiamo attraversando da circa dieci anni a questa parte, può essere davvero complesso trovare lavoro. In un Paese, poi, come l'Italia le difficoltà sono ancora maggiori che nel resto d'Europa dal m...
Investimenti migliori con lo spread alto: quali sono? Spread alle stelle nella primavera 2018, a scontare l'incertezza politica e le paure degli investitori per il fatto che le forze populiste ed euroscettiche siano andate al governo in Italia. E questo, nonostante le rassicurazioni sulla sostanziale affidabilità in merito a determinate scelte (euro, a...