Investire in Arte: come vendere un quadro e guadagnare del denaro!

 

La ricerca agli investimenti sicuri non si ferma mai e oggi affrontiamo il settore degli investimenti in arte e collezionismo. Si tratta di una soluzione più sicura? Cosa bisogna fare per investire in arte? Come fare un investimento remunerativo acquistando un quadro di un pittore, anche contemporaneo?

Come iniziare a investire in arte?

Nel corso dell’ultimo decennio, gli affari del mercato dell’arte è raddoppiato a livello mondiale, passando da 35,9 a 63,8 miliardi di euro. Investire in arte è un investimento emozionale, poiché si acquista un quadro non solo per guadagnarci, ma anche perché ci piace. Ma qual è l’iter da seguire per investire in arte e collezionismo?

Prima di tutto è necessario che vi siano due fattori fondamentali:

  • ragionare in un’ottica di diversificazione dei capitali disponibili;
  • considerare l’investimento a lungo termine.

Per un neofita, il mercato dell’arte potrebbe apparire una realtà irraggiungibile ed esclusiva, tuttavia, una volta entrato nel giro, si comprende che il quadro che si vuole acquistare diverrà una sorta di estensione della propria personalità.
Per riuscire ad avere successo negli investimenti in arte è necessario informarsi e farsi una cultura artistica, visitando gallerie, guardando le opere esposte, cercando di capirle e facendosele spiegare dal gallerista, così che la si possa comprendere al meglio.

Investire in arte: il mercato primario vs secondario

Il mercato dell’arte si divide in primario e secondario. Il primo presuppone l‘acquisto di opere dagli artisti. Ovviamente è necessario avere una certa esperienza in questo settore, conoscere l’artista e il suo valore, sapendo anche in quali canali poter rivedere l’opera.

Il mercato secondario invece riguarda gallerie d’arte, case d’asta e mercanti d’arte. Quando si è all’inizio, si consiglia di confrontarsi con questa realtà, anche perché, come si diceva, solo visitando gallerie d’arte si potrà cominciare a entrare a contatto con l’ambiente e sviluppare un occhio che possa dare un valore monetario all’opera.

Come vendere un quadro?

Arriviamo al punto dolente, ossia come vendere un quadro e guadagnare del denaro. Prima di tutto bisogna far valutare l’opera, magari da più persone, così da poter avere più riferimenti per stabilire il prezzo finale, influenzato anche dal nome dell’artista, dallo stile e dal periodo storico attuale.

Inoltre si ricorda che vendere un’opera d’arte ha un costo: se si cerca di piazzarla tramite una casa d’aste la spesa si aggira tra il 10 e il 15% del valore finale dell’opera. Ad esempio se si vende un quadro a 1.000 euro, circa 150 andranno alla casa d’asta che lo ha battuto. In alternativa è possibile mettere il quadro in conto vendita presso una galleria d’arte.

Fattori che determinano il prezzo di un’opera d’arte

Ecco alcuni fattori che concorrono alla determinazione del costo delle opere d’arte:

  • nome dell’artista e la sua importanza;
  • se l’opera è vera, o siamo di fronte ad un falso;
  • provenienza dell’opera;
  • curriculum espositivo dell’opera;
  • dimensione dell’opera;
  • tecnica usata;
  • stato di conservazione dell’opera.

Guide e Consigli per Investimenti sicuri

Conto Corrente Remunerato: interessi e servizi disponibili su un unico prodotto finanziari... Solitamente per i risparmi lasciati in giacenza sul conto corrente non sono previsti dei rendimenti. Tuttavia visto che le soluzioni di investimento più remunerative non sono alla portata di tutti, a causa del rischio e del vincolo, banche e finanziarie hanno cominciato a proporre dei conti correnti...
Investimenti sicuri: i rischi e i vantaggi. Le proposte delle banche per novembre 2017 In questa guida vi sono informazioni per diverse tipologie di investimenti sicuri per questo fine 2017 utili per far fruttare il nostro tesoretto. I punti cardine tra i quali ci muoveremo quando facciamo la nostra scelta è quella di trovare il giusto compromesso tra maggior profitto e minor rischio ...
I fondi di investimento ETF: cosa sono e come funzionano ETF è l’acronimo di Exchange Traded Funds, con cui si indicano una specifica tipologia di fondi d’investimento. Molto richiesti in borsa e soprattutto nel trading online, gli ETF, fanno parte degli ETP, Exchange Traded Products, cioè la macro famiglia di prodotti ad indice quotati. Si caratterizz...
Tassazione Capital Gain: trattamento fiscale dell’investimento per il 2017 Con il termine capital gain (guadagno in conto capitale o utile di capitale) si indica la differenza tra il prezzo di vendita e quello di acquisto di uno strumento finanziario. Solitamente viene associato al mondo dei titoli azionari, ma in realtà lo si può realizzare anche con altri strumenti finan...
Minusvalenze: cosa sono e come funzionano Con il termine minusvalenze si intendono le perdite subite nell'investire una somma di denaro sui mercati finanziari, cioè la differenza negativa tra il prezzo di acquisto e quello di vendita di un prodotto. Minusvalenze e plusvalenze Quando si decide di investire in obbligazioni, in azioni o altr...
Fondi comuni di investimento: i prodotti finanziari pensati anche per i piccoli risparmiat... I fondi comuni di investimento sono degli istituti intermediari finanziari, il cui obiettivo è raccogliere il denaro dei risparmiatori per poi investirlo in asset. Costituiscono il modo più rapido e sicuro di investire nei fondi azionari anche se non si dispone di molto soldi. Presenti dagli anni...
Come guadagnare in Borsa? Guadagnare in Borsa è una delle soluzioni preferite dagli italiani che vogliono crearsi un nuovo reddito, garantendosi ulteriori entrate. Tuttavia, soprattutto tra i principianti, serpeggia una domanda: come si inizia a investire? Nel corso dell'articolo cercheremo di rispondere a tale quesito e di ...