Obbligazioni indicizzate all’inflazione: BTP e corporate

obbligazioni indicizzate all'inflazione

Obbligazioni indicizzate all’inflazione cosa sono e come funzionano i BTP-I

In molti conoscono i tradizionali Buoni del Tesoro Poliennali, titoli di credito a medio-lungo termine con scadenza a 3, 5, 7,10, 15 o 30 anni, ma non tutti conoscono l’esistenza dei BTP-I, obbligazioni indicizzate all’inflazione. Si tratta di titoli la cui indicizzazione viene detta a natura reale, poiché le cedole dipendono direttamente dall’andamento del tasso di inflazione, e di conseguenza dal prezzo di beni e servizi utilizzati per misurare il costo della vita.

Ma come funzionano i Titoli di Stato indicizzati all’inflazione? Queste particolari obbligazioni hanno una struttura secondo la quale il capitale, ossia il valore nominale, cresce in parallelo all’inflazione. Il titolare dei buoni ha inoltre diritto ad incassare, con cedole semestrali o annuali, gli interessi maturati. Questi sono definiti attraverso un tasso fisso applicato al capitale, che però viene periodicamente rivalutato in base dell’indice dei prezzi al consumo.

Come funzionano le obbligazioni legate all’inflazione

Obbligazioni indicizzate all’inflazione: obbligazioni societarie. Le Obbligazioni Societarie (note anche come Obbligazioni Corporate) legate all’inflazione, hanno invece un funzionamento molto diverso, più semplice ma meno protettivo, che prevede il pagamento degli interessi ogni tre, sei o dodici mesi.

Il tasso è definito in base al valore dell’inflazione, mentre il capitale resta immutato fino alla naturale scadenza del contratto, e quindi, in termini reali o di potere d’acquisto, si riduce. Per evitare tale effetto negativo è consigliabile reinvestire gran parte degli interessi ottenuti.

Guide e Consigli per Investimenti sicuri

Come investire oggi i propri risparmi: soluzioni 2016 Investire i risparmi: una questione di approccio Come investire oggi i propri risparmi? Un tempo, chi riusciva a raggranellare qualche risparmio era dominato da una paura particolare: l’inflazione. Oggi lo scenario è radicalmente cambiato, i prezzi sono praticamente fermi. A preoccupare, in questo ...
Buoni fruttiferi postali 2016: sono davvero convenienti? Guida Buoni fruttiferi postali 2016 Poste Italiane I buoni fruttiferi postali sono da sempre considerati forme di investimento sicuro, ossia in cui il risparmiatore non rischia di perdere il proprio denaro. Gli interessi corrisposti però non sono molto alti e questo porta molti a chiedersi se i buoni fru...
Perché è importante diversificare gli investimenti e guadagnare Perché è importante diversificare gli investimenti? Sono tantissime le persone che si fanno questo tipo di domanda, considerando in particolare l’incertezza dei mercati azionari e la necessità di chiamare in causa soluzioni alternative. Diversificare gli investimenti: ecco di cosa tenere conto Qua...
Investimenti postali: buoni fruttiferi per una maggiore garanzia Buoni fruttiferi postali: rendimenti fino al 4,75% Gli investimenti postali sono ideali soprattutto per chi non vuole assolutamente rischiare, ecco perché i buoni fruttiferi postali offerti da Poste Italiane restano la migliore scelta per chi vuole investire i propri soldi  senza necessariamente ri...
Miglior investimento postale: rendimento e tutela del capitale Investire i propri soldi in buoni postali è una scelta fatta da sempre più persone, dal momento che il mercato azionario è caratterizzato da un’incertezza che può procurare problemi. Per questo motivo è utile informarsi sul miglior investimento postale. Investimenti postali: ecco perché sceglierli ...