Piccoli investimenti redditizi: i consigli migliori

Piccoli investimenti redditizi

Oggi è fondamentale avere le idee chiare su come investire il proprio denaro in ambiti differenti da quello azionario. Gestire piccoli investimenti redditizi può rappresentare una soluzione valida al proposito, dal momento che non sempre è necessario avere a disposizione capitali consistenti per far fruttare i propri risparmi.

Piccoli investimenti: da dove partire per scegliere

Quando si progetta di effettuare piccoli investimenti redditizi è opportuno partire da una scelta ragionata dell’alternativa, esaminandone la convenienza sulla base dei rendimenti e del trattamento fiscale.

A tal proposito è possibile iniziare parlando degli investimenti in BOT, che si configurano come convenienti sia per la solidità del soggetto emettitore, sia per la possibilità di avvalersi di una tassazione pari al 12,50%, più bassa rispetto a quella dei conti deposito.

Investimenti convenienti con somme contenute: i beni rifugio

Un’altra opzione che è bene non trascurare quando si discute piccoli investimenti redditizi sono i beni rifugio, come per esempio i metalli preziosi. In questo caso vengono subito in mente gli investimenti in oro, che possono essere concretizzati solo facendo riferimento all’oro lavorato, ossia ai lingotti e alle monete a corso legale.

Una terza alternativa valida, che può essere approcciata unicamente facendo riferimento a uno specialista che fornisca l’adeguata consulenza, sono gli investimenti in oro finanziario, per esempio in fondi come gli Etc e gli Etf, che hanno lo scopo di replicare il prezzo dell’oro.

Investimenti in conti deposito: ecco perché sono sicuri

Nel novero dei piccoli investimenti redditizi è possibile includere anche gli investimenti in conti deposito, prodotti finanziari che stanno conoscendo un’importante fortuna, legata soprattutto all’incertezza del mercato finanziario.

Gli investimenti in conti deposito sono sicuri? Certamente sì, dal momento che stiamo parlando di prodotti tutelati dal Fondo Interbancario di tutela dei depositi, che garantisce la tenuta dei conti deposito con giacenze fino a 100.000€.

Investimenti in conto deposito tassazione: ecco cosa sapere

Quando si progettano piccoli investimenti redditizi, come già ricordato, è necessario considerare anche il trattamento fiscale dei prodotti a cui si ha intenzione di fare riferimento. In questo caso si mette in primo piano un contro del conto deposito, ossia l’aliquota sui rendimenti pari al 26% (prima dell’approvazione del Decreto Renzi questo valore era pari al 20%).

Tra le altre voci fiscali a carico del titolare di un conto deposito è possibile ricordare l’imposta di bollo, pari allo 0,20% sulle giacenze superiori a 5.000€. A questo punto è utile vedere nel dettaglio il funzionamento di un conto deposito, ipotizzando la scelta di vincolare 10.000€ per 36 mesi.

Prendiamo in esame il conto deposito di Banca Ifis, che dopo il suddetto periodo di vincolo prevede la possibilità di avvalersi di un guadagno pari a 476,99€. Il conto deposito in questione prevede un tasso lordo del 2,15%, il che significa un tasso effettivo dell’1,60% e un tasso a regime dello 0,56%.

Concludiamo ricordando che il prodotto non prevede alcun tipo di spesa per l’apertura della pratica e per la gestione del conto.

Guide e Consigli per Investimenti sicuri

Conti di deposito vincolati garantiti Cos’è un conto deposito vincolato I conti deposito si dividono in vincolati e svincolati. La principale differenza tra queste due tipologie sta nella libertà di poter ritirare le somme depositate senza incorrere in penali o penalizzazioni. Generalmente scelgono i conti vincolati i soggetti che deci...
Investimenti rendimento garantito: quale scegliere Investimenti con rendimento garantito: i due ostacoli alla sicurezza Il tempo degli investimenti sicuri ed estremamente redditizi è finito da un bel pezzo. Gli investitori oggi sono costretti a puntare o sulla sicurezza o sul profitto. E’ ovvio che in questa ottica, soprattutto se il capitale è ing...
Come investire soldi: consigli e strategie vincenti Gli investimenti possono essere divisi in due grandi categorie: finanziari, di cui ci occuperemo profusamente nel corso dell'articolo; in attività di impresa, dedicati all'esercizio appunto di un'attività, in cui il reddito può essere classificato come reddito da lavoro. Prima di vede...
Conto deposito o bot: il confronto Conti deposito e bot: i punti in comune Conto deposito o bot: quale scegliere e perché. Al giorno d’oggi decidere come investire i propri risparmi è molto difficile. La responsabilità è da attribuire a un contesto letteralmente stravolto dalla politica ultra-espansiva della Bce che, se da un lato f...
Conti deposito Unicredit: quali sono i rendimenti? Sono prodotti sicuri? Conto deposito Unicredit: i vantaggi In un’epoca di rendimenti piuttosto bassi, nella quale persino i prodotti speculativi non offrono i guadagni di un tempo, gli istituti si sono specializzati nella creazione di strumenti finanziari sui generis, in grado di aggirare gli effetti delle politiche mon...
Conto deposito migliore: quali vantaggi offre e perché sceglierlo? Perché investire in conti deposito Con la crisi economica, sono molti i piccoli risparmiatori alla ricerca di una soluzione di investimento che consenta un ritorno economico sicuro. Tra queste figurano i conti deposito bancari che consentono di versare denaro con la possibilità di ritirarlo in qual...
Conto deposito dove conviene aprirlo? Tutte le soluzioni Conto deposito quale conviene: libero o vincolato Conto deposito dove conviene aprirlo? Le soluzioni. Il conto deposito rappresenta un’alternativa valida al classico conto corrente. Offre infatti le medesime garanzie di sicurezza ma propone rendimenti più elevati. Il panorama, tuttavia, è piuttosto...