Quali investimenti sono esclusi dal bail in: il capitolo correntisti

Quali investimenti sono esclusi dal bail in: il capitolo correntisti

Bail in: i rischi per il cittadino

Le recenti vicende di Banca Etruria hanno gettato nel panico piccoli e grandi risparmiatori. L’idea che da un giorno all’altra un istituto possa dichiararsi insolventi e privare i clienti del proprio denaro terrorizza chi, magari, ha impiegato tutta una vita per racimolare qualche risparmio. È la logica del bail in, ampiamente regolamentata in ambito nazionale ed europeo. Quali investimenti sono esclusi dal bail in? Chi può dirsi veramente al sicuro?

Per rispondere a questa domanda è necessario fare una distinzione, dunque considerare la teoria e la pratica. La prima è determinata dal complicato sistema di norme che interessa le banche insolventi, la seconda riguarda la prassi, ossia quello che realmente accade quando una banca non può onorare i suoi debiti, e si rifà – in modo abbastanza brutale per giunta – sui contribuenti.

La norma di riferimento è la Bank Recovery and Resolution Directive, che è entrata in vigore a gennaio 2016. Questa stabilisce le linee guide per gestire le crisi bancarie e prevede, tra le altre, le direttive di prevenzione e i consigli da mettere in pratica nella fase di risoluzione. Comprende anche norme specifiche sull’utilizzo delle bad bank e delle bridge bank.

Investimenti e bail in: un chiarimento

Quali investimenti sono esclusi dal bail in: cosa si intende con questo termine? Se la definizione “in senso lato” di bail in è nota ormai anche al cittadino medio, quella “stricto sensu”, e quindi tecnica, è ancora appannaggio di pochi. Secondo l’immaginario collettivo, il bail in è la pratica che consente alle banche di rifarsi direttamente sui clienti in caso di gravi e insostenibili sofferenze finanziarie.

Da un punto di vista tecnico, invece, il bail in è la svalutazione di azioni e crediti e la conversione degli stessi in azioni, in un contesto di ricapitalizzazione forzata. Sia chiaro, il risultato è sempre lo stesso: il cittadino perde denaro.

Appurato il significato del termine, si può discutere su quali investimenti sono esclusi dal bail in. Solo in questo modo, i clienti possono capire il livello di rischio al quale sono esposti, e intervenire per tempo.

Secondo la normativa, che comunque raccoglie in parte le evidenze dei vecchi regolamenti, sono esclusi i depositi e i conti correnti fino a 100.000 euro, poiché garantiti dal Fondo Interbancario di Garanzia dei Depositi. Per il resto, sono al sicuro solo i covered bond e i debiti soggetti alla normativa fallimentare.

Fondi, obbligazioni e azioni, cioè il grosso del risparmio gestito, possono essere soggetti al bail in. In questo contesto pieno di certezze, non rimane che affidarsi all’arma migliore in mano dei risparmiatori: la conoscenza. Nello specifico, la consapevolezza dei rischi e delle opportunità di ogni singolo strumento di investimento.

Guide e Consigli per Investimenti sicuri

Fondi Pensione 2017: cosa sono, come funzionano e le migliori offerte Il tema della pensione è sempre piuttosto caro e dibattuto dai cittadini. I quesiti che si pongono gli italiani sono molti: "quando andrò in pensione? Terminerò mai di lavorare? Una volta terminata la mia carriera lavorativa potrò godere di una pensione?" Visto che l'incertezza e l'instabilità re...
Investimenti sicuri con i Fondi Comuni di Investimento più redditizi Alcune forme di Fondi comuni di investimento, sono considerati degli investimenti sicuri nonché con una alta redditività, ma cerchiamo di capire perhè. Una delle attività più difficili al mondo è quella relativa alla gestione del denaro, specialmente se si fa riferimento a tempi come quelli in cu...
Come Investire Piccole Somme: quali sono gli investimenti più vantaggiosi? Ancora oggi si pensa che per investire del denaro sia necessario disporre di un ingente capitale. In realtà non è così in quanto anche chi possiede pochi, ma sudati risparmi, può tentare di investire e di trarre qualche profitto. Ma come investire piccole somme? Ecco qualche utile suggerimento. ...
Gestione Patrimoniale: come funziona, costi, vantaggi e svantaggi La gestione patrimoniale (GPM) è un contratto di investimento tra il risparmiatore e la banca tramite il quale si delega un soggetto terzo per la gestione del tuo patrimonio. E' chiaro che l'istituto bancario deve agire all'interno di alcuni limiti precisi,tra cui l’obbligo di acquistare solo titoli...
Come investire 10000 euro? Per i grandi investitori 10000 euro possono sembrare una somma irrisoria, tuttavia è necessario diversificare i vari tipi di investimenti così, nel caso di errori o di valutazioni sbagliate non si rischierà di perdere tutto il denaro. Prima di capire dove e come investire 10000 euro, è necessario de...
Investire da zero: i consigli da seguire Investire da zero è possibile? Dal nulla è senza dubbio utopistico, ma partendo da cifre anche contenute no, a patto che si faccia attenzione ad alcuni consigli tecnici specifici, motivo per cui può essere utile rivolgersi a un promotore finanziario o a un consulente esperto. Investire con pochi so...
Investimenti immateriali: a chi si rivolgono e come funzionano Cosa sono gli investimenti immateriali La tassonomia economica distingue tra molte categorie di beni. Interessanti, per impatto sul bilancio aziendale e per le conseguenze dal punto di vista simbolico, sono i beni immateriali. Alcune volte trascurati, altre volte sopravvalutati, rappresentano una p...