Tassazione investimenti finanziari: scopri il rendimento netto

Tassazione investimenti finanziari

Tassazione investimenti 2016: due pesi e due misure

Un vecchio adagio delle sinistre vedrebbe le rendite finanziarie quasi esentasse, in quello che a tutti gli effetti, in virtù di una pressione fiscale altrove esagerata, appare essere come uno scandalo. La verità è un’altra, sebbene il contesto sia mutato solo di recente: le rendite finanziarie sono tassate, e nemmeno in modo leggero. La tassazione investimenti finanziari, tuttavia, è un argomento complesso che non smette di suscitare polemiche sia in un senso (la pressione è troppo leggera) che nell’altro (la pressione è troppo pesante).

Il nocciolo della questione è che gli investimenti sono soggetti a una tassazione eterogenea, che tiene conto, all’apparenza in modo casuale, delle carie categorie di titoli, conti, fondi etc. In alcuni casi il regime fiscale è piuttosto aspro in altri non lo è affatto. Senza considerare il fatto che la tassazione “finanziaria” può avere effetti pericolosi anche per le fasce deboli.

Insomma, non colpirebbe solo quella élite economica di cui tanto si favoleggia ma anche gli onesti risparmiatori, che magari vorrebbero ricavare qualcosa dopo aver risparmiato così duramente qualche spicciolo.

La situazione, almeno dal punto di vista normativo, si è assestata nel 2014, quando è entrata in vigore la nuova norma sulla tassazione investimenti finanziari (precisamente il 1° luglio).

Gli investimenti vengono divisi in due categorie, quelli con regime fiscale normale e quelli con regime fiscale agevolato. Di quest’ultima categoria fanno parte principalmente i titoli di Stato e i Buono Fruttiferi Postali della Cassa Depositi e Prestiti. Le rendite generate da questi prodotti sono soggette a una aliquota del 12,5%. Della prima categoria fa parte sostanzialmente tutto il resto dai fondi di investimenti al Forex, dalle commodity alle obbligazioni, dagli ETF ai CFD e così via. Per questi, l’aliquota è del 26%.

Perché questa differenza così grande? Il motivo è semplice. I titoli di stati e i buoni della CDP sono sì strumenti finanziari, e quindi in grado di produrre un guadagno, ma al contempo sono strumenti che recano beneficio alla comunità. Con i primi lo Stato si finanzia, con i secondi trova le risorse per prestare denaro alle imprese.

Tasse investimenti finanziari: i casi particolari

In mezzo a queste due categorie, si segnalano alcuni casi sui generis. I fondi pensione, per esempio, sono tassati al 20%, una sorta di compromesso tra i due estremi: dopotutto, anche loro hanno in un certo senso una valenza sociale.

Va poi considerato il caso dei titoli di stato utilizzati a mo’ di investimento speculativo, ossia commerciati prima della loro scadenza naturale. Nella fattispecie, si applica l’aliquota riservata ai capital gain, che è del 19%.

Guide e Consigli per Investimenti sicuri

Investire senza rischio capitale: tutte le opzioni Investire senza rischio capitale è oggi una scelta essenziale per una serenità finanziaria a lungo termine. Dopo la crisi del 2008 tutti gli equilibri economici precedenti hanno subito uno sconvolgimento, motivo per cui non è possibile fare affidamento totale sul mercato azionario. Investimenti pos...
I 10 Segreti per investire in Borsa: guida Conoscere i segreti per investire in Borsa è cruciale, dal momento che il mercato azionario, visti i cambiamenti importanti che hanno interessato l’economia, deve essere approcciato con attenzione. Ecco quindi qualche consiglio basilare per iniziare e per raggiungere i primi successi. I 10 Segreti ...
Investire piccole somme online: i consigli per chi inizia Investire piccole somme online è la scelta che fanno moltissime persone che iniziano a muovere i primi passi nel trading. L’idea che per approcciarsi a questo ambito sia necessario mettere in campo fin da subito somme consistenti è infatti una leggenda metropolitana. Iniziare a fare trading: ecco c...
Banche Sicure: Classifica affidabilità a febbraio 2017 Al pari dei correntisti, le banche sono soggette a una valutazione di merito sulla loro solidità. Le recenti, costosissime débâcle patrimoniali di MPS, Popolare di Vicenza e Banca Etruria (per citarne solo alcune) devono fungere da monito: va bene preoccuparsi del proprio rating bancario, ma è altre...
ITFORUM Rimini 2017: l’evento dedicato al finance e al trading Dal 18 al 19 maggio 2017 al Palacongressi di Rimini si svolgerà la 18ª edizione dell'unico evento gratuito in Europa dedicato alla finanza digitale e al trading-online. Stiamo parlando di ITFORUM Rimini 2017, Investment & Trading Forum, che quest'anno allarga i suoi confini ai temi della finanza...
Investimenti sicuri: Come scegliere il piano di accumulo? Noto come PAC, il piano d’accumulo di capitale, altro non è che un "modo di sottoscrivere Fondi comuni di investimento". Gli importi in denaro vanno versati con cadenza regolare presso un OICR ("Organismo di investimento collettivo di risparmio") per un lasso di tempo predeterminato. Esempio di un ...
Conto Corrente Remunerato: interessi e servizi disponibili su un unico prodotto finanziari... Solitamente per i risparmi lasciati in giacenza sul conto corrente non sono previsti dei rendimenti. Tuttavia visto che le soluzioni di investimento più remunerative non sono alla portata di tutti, a causa del rischio e del vincolo, banche e finanziarie hanno cominciato a proporre dei conti correnti...