Investire sicuro in banca al tempo della brexit

investire sicuro in banca

Investire in banca: consigli generali

L’uscita del Regno Unito dall’Unione Europea ha aperto scenari francamenti allarmanti, dominati dalla paura e soggetti alla più classica delle speculazioni finanziarie. In un panorama così incerto, quali speranze ha il piccolo risparmiatore di uscirne indenne? Investire sicuro in banca, dunque, è diventato un imperativo da rispettare a ogni caso, dal momento che un approccio più incline al rischio di mercato sarebbe, oggi, troppo pericoloso.

Nonostante la situazione sia drammatica, è sufficiente adottare qualche consiglio generale per orientarsi in modo corretto, pur nella quasi totale assenza di redditività. Se prima di questa nuova turbolenza finanziaria, era preferibile a un investimento sicuro e poco redditizio a uno rischioso e più redditizio, oggi questa scelta di campo si fa doverosa.

Il consiglio, dunque, è prediligere la sicurezza, in attesa di tempi migliori. Occorre dunque stare attenti agli asset che rischiano di crollare, come quelli legati alla sterlina, che sta subendo un crollo ben oltre le aspettative. Un altro consiglio è respingere le sirene del rischio.

Le banche tendono a offrire prodotti a rischio, ma a maggior ragione oggi è bene evitarli. Infine, potrebbe essere un’idea puntare, paradossalmente, su alcuni asset “britannici”. Alcuni soggetti si avvantaggiano della sterlina deboli, come quelli che basano il proprio successo sull’export.

È sicuro investire in obbligazioni bancarie?

Investire sicuro in banca: quale tipologia di strumenti preferire? Sotto questo punto di vista, le obbligazioni attualmente appaiono strutturalmente rischiose, soprattutto quelle bancarie. Le banche, si è visto nei giorni immediatamente successivi referendum, non hanno apprezzato l’uscita del Regno Unito dall’Unione Europa e rischiano di essere vittima, se già non lo sono, di speculazione finanziaria.

Anche le obbligazioni in genere, che magari coinvolgono aziende apparentemente in salute, rappresentano una scelta rischiosa. Il motivo è semplice: lo scenario è dominato dall’imprevedibilità.

Il consiglio, per chi vuole investire sicuro in banca, è riferirsi a quegli asset e a quei prodotti che manifestano una notevole anticiclicità, come gli alimentari, i farmaceutici e in parte gli hi-tech. Anche la borsa, da questa prospettiva (e solo da questa), può essere considerato un luogo sicuro in cui investire.

Per il resto, se il capitale non è eccessivo e coerente con un profilo da piccolo-medio risparmiatore, è bene affidarsi al classico conto deposito. Si tratta del prodotto ideale per parcheggiare la liquidità in attesa di tempi migliori.

La sicurezza è garantita e lo è, in una qualche misura, anche la redditività, almeno in relazione ad altri prodotti altrettanto sicuri. La scelta abbonda: sono tante le banche, anche prestigiose, che in Italia offrono il conto deposito, sia libero che vincolato (e con ottime possibilità di personalizzazione).

Guide e Consigli per Investimenti sicuri

Come proteggere i risparmi dalla crisi, la guida Con i crolli della Borsa di questi ultimi mesi è cresciuto il numero di persone che si chiedono come proteggere i risparmi, tutelandoli dall’incertezza del mercato azionario e dall’innalzamento dei tassi Proteggere i risparmi: ecco perché oggi è necessario Oggi è particolarmente importante capire ...
Obbligazioni Subordinate: cosa sono? I bond più rischiosi ma remunerativi Le obbligazioni subordinate sono una specifica categoria di obbligazioni con una cedola periodica. Gli investitori che acquistano le obbligazioni subordinate diventano creditori della banca che li emette e incassano periodicamente degli interessi, le cedole. Tuttavia, rispetto ai bond ordinari, ...
Investimenti pubblicitari: credito di imposta. Incentivi e bonus fiscali Con la manovra correttiva 2017 del Governo, è stato possibile introdurre un’agevolazione fiscale per gli investimenti pubblicitari, vantaggiosa per imprese e professionisti. E' rivolta a coloro che investono in campagne pubblicitarie su media e mezzi di comunicazione come quotidiani, periodici, r...
Fondi comuni di investimento: i prodotti finanziari pensati anche per i piccoli risparmiat... I fondi comuni di investimento sono degli istituti intermediari finanziari, il cui obiettivo è raccogliere il denaro dei risparmiatori per poi investirlo in asset. Costituiscono il modo più rapido e sicuro di investire nei fondi azionari anche se non si dispone di molto soldi. Presenti dagli anni...
I fondi di investimento ETF: cosa sono e come funzionano ETF è l’acronimo di Exchange Traded Funds, con cui si indicano una specifica tipologia di fondi d’investimento. Molto richiesti in borsa e soprattutto nel trading online, gli ETF, fanno parte degli ETP, Exchange Traded Products, cioè la macro famiglia di prodotti ad indice quotati. Si caratterizz...
Investire in Diamanti nel 2017: guadagnare mettendo al sicuro i propri capitali Attualmente investire in diamanti non è una speculazione rischiosa bensì è un' opportunità certa di mantenere immutato il proprio capitale, mettendolo al sicuro da inflazioni e da rischiosi azzardi di borsa. I diamanti sono i beni rifugio che, pur non essendo considerati strumenti finanziari, non...
Come investire 1000 euro: i consigli da seguire Oggi è ancora più importante prestare attenzione alla ricchezza delle soluzioni d’investimento. Anche chiedersi come investire 1000 euro non è cosa da sottovalutare, dal momento che con cifre piccole è possibile prendere confidenza più facilmente con i principali strumenti finanziari. Investire in ...