Banche Sicure: Classifica affidabilità a febbraio 2017

brexit

Al pari dei correntisti, le banche sono soggette a una valutazione di merito sulla loro solidità. Le recenti, costosissime débâcle patrimoniali di MPS, Popolare di Vicenza e Banca Etruria (per citarne solo alcune) devono fungere da monito: va bene preoccuparsi del proprio rating bancario, ma è altrettanto doveroso informarsi su quali sono le banche sicure e, più in specifico, sull’affidabilità dell’istituto con il quale si intrattengono rapporti di credito.

 

A parte gli stress test imposti dalla BCE, che valgono più come voto in condotta che di merito, gli indici che misurano il grado di solidità di una banca sono essenzialmente due: il CET 1 RATIO (Common Equity Tier 1 Ratio) e il TCR (Total Capital Ratio). Tra i due indicatori, il più rappresentativo è il primo, che rapporta il suo capitale proprio disponibile per la copertura del rischio con il totale delle attività ponderate della banca.

 

Le attività si definiscono ”ponderate” in base all’indice di volatilità (rischiosità) delle stesse: in altri termini, più la banca si espone con investimenti poco sicuri, più deve poter disporre di capitale per far fronte alle perdite che detti investimenti possono comportare. La BCE ha fissato come soglia limite del CET 1 RATIO l’8%: questo significa che un istituto di credito è tanto più affidabile quanto più il suo Common Equity Ratio è al di sopra di detto limite minimo. Tali indicatori vengono riportati, periodicamente, sulla stampa specializzata in materie economiche e finanziarie e su internet.

 

E’ buona regola, quindi, conoscere la misura del suddetto indicatore riferito all’istituto presso il quale si ha il proprio conto corrente perché, al di là dei vari discorsi su stress test e Bail In, basta anche un solo passo falso della banca per entrare nel circuito dei soggetti sottoposti a prelievo forzoso. Ricordiamoci che in Italia le banche non possono fallire, ma i correntisti sì. Detto questo, in base alle misurazioni riferibili al mese di febbraio 2017, gli istituti con un migliore CET 1 RATIO sono: Mediolanum, Credem e Banca Intesa.

 

Dopo il ”podio” degli istituti virtuosi, spiccano per solidità Ubi Banca, Banco Popolare, Mediobanca e si mantengono vicino alla ”soglia di tolleranza” anche Bnl e Credito Valtellinese. Viceversa, le bad bank italiane sono: Monte dei Paschi di Siena, Banca Popolare di Vicenza, Carige, Banca Etruria, CariChieti, CariFerrara e Banca delle Marche.

 

Un’ultima precisazione: pur fissando il CET 1 RATIO minimo all’8%, la BCE ha diffuso delle note in cui si considera a ”rischio” anche l’istituto con un indicatore inferiore al 9%. Nelle stesse indicazioni di lettura degli indicatori, la Banca Centrale ha individuato come poco virtuosi gli istituti che hanno un capitale investito superiore a 12,5 volte il valore del patrimonio netto.

Guide e Consigli per Investimenti sicuri

Investimenti seed cosa sono e a chi si rivolgono Seed capital: di cosa stiamo parlando Sono ancora poco diffusi in Europa, quasi per nulla in Italia, ma negli Stati Uniti sono una realtà consolidata. Gli investimenti seed rappresentano un unicum nel panorama dei finanziamenti, sia dal punto di vista del meccanismo che da quello riguardante gli ob...
Investimenti diretti esteri cosa sono e perché sono importanti Investimenti diretti esteri definizione Investimenti diretti esteri cosa sono? Per investimenti diretti esteri si intende quel movimento di capitale che parte da un paese e ne coinvolge un altro, per mezzo del quale una impresa o un ente (sia pubblico che privato) partecipa in modo duraturo alle at...
ITFORUM Rimini 2017: l’evento dedicato al finance e al trading Dal 18 al 19 maggio 2017 al Palacongressi di Rimini si svolgerà la 18ª edizione dell'unico evento gratuito in Europa dedicato alla finanza digitale e al trading-online. Stiamo parlando di ITFORUM Rimini 2017, Investment & Trading Forum, che quest'anno allarga i suoi confini ai temi della finanza...
Certificates: cosa devi sapere su questi strumenti di investimento I Certificates, definizione che si utilizza per inquadrare i certificati d’investimento, sono strumenti la cui emissione è a cura di un market maker, che può essere un istituto di credito. Certificati d’investimento: consigli per gestirli al meglio I Certificates, a prescindere dal market maker ch...
Investimenti migliori con lo spread alto: quali sono? Spread alle stelle nella primavera 2018, a scontare l'incertezza politica e le paure degli investitori per il fatto che le forze populiste ed euroscettiche siano andate al governo in Italia. E questo, nonostante le rassicurazioni sulla sostanziale affidabilità in merito a determinate scelte (euro, a...
Investimenti socialmente responsabili: strategia sostenibile. Finanza e investimenti etici Cosa accade quando anche gli investimenti socialmente responsabili diventano realtà: vi è un processo decisionale più attento circa dove si stanno allocando le proprie risorse? Alcune delle scelte di base che il consumatore consapevole e informato mette in atto quotidianamente possono sembrare se...
Risparmiare o investire: come capire cosa fare al momento giusto Nel momento in cui si è messo da parte un bel gruzzoletto, sono in molti a porsi il dilemma se sia meglio risparmiare o investire. La risposta in questa circostanza è "dipende". Come capire cosa fare al momento giusto? Vediamolo insieme nei dettagli. E’ meglio risparmiare Quello degli investiment...