Banche Sicure: Classifica affidabilità a febbraio 2017

brexit

Al pari dei correntisti, le banche sono soggette a una valutazione di merito sulla loro solidità. Le recenti, costosissime débâcle patrimoniali di MPS, Popolare di Vicenza e Banca Etruria (per citarne solo alcune) devono fungere da monito: va bene preoccuparsi del proprio rating bancario, ma è altrettanto doveroso informarsi su quali sono le banche sicure e, più in specifico, sull’affidabilità dell’istituto con il quale si intrattengono rapporti di credito.

 

A parte gli stress test imposti dalla BCE, che valgono più come voto in condotta che di merito, gli indici che misurano il grado di solidità di una banca sono essenzialmente due: il CET 1 RATIO (Common Equity Tier 1 Ratio) e il TCR (Total Capital Ratio). Tra i due indicatori, il più rappresentativo è il primo, che rapporta il suo capitale proprio disponibile per la copertura del rischio con il totale delle attività ponderate della banca.

 

Le attività si definiscono ”ponderate” in base all’indice di volatilità (rischiosità) delle stesse: in altri termini, più la banca si espone con investimenti poco sicuri, più deve poter disporre di capitale per far fronte alle perdite che detti investimenti possono comportare. La BCE ha fissato come soglia limite del CET 1 RATIO l’8%: questo significa che un istituto di credito è tanto più affidabile quanto più il suo Common Equity Ratio è al di sopra di detto limite minimo. Tali indicatori vengono riportati, periodicamente, sulla stampa specializzata in materie economiche e finanziarie e su internet.

 

E’ buona regola, quindi, conoscere la misura del suddetto indicatore riferito all’istituto presso il quale si ha il proprio conto corrente perché, al di là dei vari discorsi su stress test e Bail In, basta anche un solo passo falso della banca per entrare nel circuito dei soggetti sottoposti a prelievo forzoso. Ricordiamoci che in Italia le banche non possono fallire, ma i correntisti sì. Detto questo, in base alle misurazioni riferibili al mese di febbraio 2017, gli istituti con un migliore CET 1 RATIO sono: Mediolanum, Credem e Banca Intesa.

 

Dopo il ”podio” degli istituti virtuosi, spiccano per solidità Ubi Banca, Banco Popolare, Mediobanca e si mantengono vicino alla ”soglia di tolleranza” anche Bnl e Credito Valtellinese. Viceversa, le bad bank italiane sono: Monte dei Paschi di Siena, Banca Popolare di Vicenza, Carige, Banca Etruria, CariChieti, CariFerrara e Banca delle Marche.

 

Un’ultima precisazione: pur fissando il CET 1 RATIO minimo all’8%, la BCE ha diffuso delle note in cui si considera a ”rischio” anche l’istituto con un indicatore inferiore al 9%. Nelle stesse indicazioni di lettura degli indicatori, la Banca Centrale ha individuato come poco virtuosi gli istituti che hanno un capitale investito superiore a 12,5 volte il valore del patrimonio netto.

Guide e Consigli per Investimenti sicuri

Bond nazionali: quali sono i migliori su cui investire? Quando si tratta di dover effettuare investimenti in denaro, chiunque cerca di fare affidamento su informazioni sicure in maniera tale da avere la possibilità di avere un ritorno economico garantito. Fortuna vuole che, al di là delle classiche consulenze offerte e proposte dagli istituti bancari ...
Che cosa è un family office? Quali i servizi offerti? Guida Che servizi offre e che cosa è un family office 2017 Che cosa è un family office? I family office sono società di servizi che si occupano della gestione del patrimonio di una o più famiglie. Si tratta di un servizio richiesto normalmente dalle famiglie facoltose e che di fatto vede il family office...
Gestione Patrimoniale: come funziona, costi, vantaggi e svantaggi La gestione patrimoniale (GPM) è un contratto di investimento tra il risparmiatore e la banca tramite il quale si delega un soggetto terzo per la gestione del tuo patrimonio. E' chiaro che l'istituto bancario deve agire all'interno di alcuni limiti precisi,tra cui l’obbligo di acquistare solo titoli...
Investimenti sicuri: i rischi e i vantaggi. Le proposte delle banche per novembre 2017 In questa guida vi sono informazioni per diverse tipologie di investimenti sicuri per questo fine 2017 utili per far fruttare il nostro tesoretto. I punti cardine tra i quali ci muoveremo quando facciamo la nostra scelta è quella di trovare il giusto compromesso tra maggior profitto e minor rischio ...
Banche online: come funzionano e perché sceglierle Banca online vs banca tradizionale Perché scegliere banche online? L’avvento delle tecnologie digitali ha rivoluzionato un po’ tutti gli aspetti del vivere comune, tra cui alcuni che in genere non eccellono per senso di innovazione o per temerarietà. Anche il sistema creditizio, infatti, si è ad...
Investire i risparmi: le informazioni per non sbagliare Come investire i risparmi? Sono molte le persone che si pongono questa domanda e cercano alternative utili per evitare l’innalzamento eccessivo dei tassi e per tutelarsi dall’incertezza del mercato azionario. Investimenti sicuri: il conto deposito Nel novero delle alternative per capire come inves...
Investimenti Vincenti: Perchè investire in formazione? Consigli per Investimenti Vincenti: Formazione in crescita Nei periodi di crisi come quello che ormai stiamo attraversando da circa dieci anni a questa parte, può essere davvero complesso trovare lavoro. In un Paese, poi, come l'Italia le difficoltà sono ancora maggiori che nel resto d'Europa dal m...