Banche Sicure: Classifica affidabilità a febbraio 2017

brexit

Al pari dei correntisti, le banche sono soggette a una valutazione di merito sulla loro solidità. Le recenti, costosissime débâcle patrimoniali di MPS, Popolare di Vicenza e Banca Etruria (per citarne solo alcune) devono fungere da monito: va bene preoccuparsi del proprio rating bancario, ma è altrettanto doveroso informarsi su quali sono le banche sicure e, più in specifico, sull’affidabilità dell’istituto con il quale si intrattengono rapporti di credito.

 

A parte gli stress test imposti dalla BCE, che valgono più come voto in condotta che di merito, gli indici che misurano il grado di solidità di una banca sono essenzialmente due: il CET 1 RATIO (Common Equity Tier 1 Ratio) e il TCR (Total Capital Ratio). Tra i due indicatori, il più rappresentativo è il primo, che rapporta il suo capitale proprio disponibile per la copertura del rischio con il totale delle attività ponderate della banca.

 

Le attività si definiscono ”ponderate” in base all’indice di volatilità (rischiosità) delle stesse: in altri termini, più la banca si espone con investimenti poco sicuri, più deve poter disporre di capitale per far fronte alle perdite che detti investimenti possono comportare. La BCE ha fissato come soglia limite del CET 1 RATIO l’8%: questo significa che un istituto di credito è tanto più affidabile quanto più il suo Common Equity Ratio è al di sopra di detto limite minimo. Tali indicatori vengono riportati, periodicamente, sulla stampa specializzata in materie economiche e finanziarie e su internet.

 

E’ buona regola, quindi, conoscere la misura del suddetto indicatore riferito all’istituto presso il quale si ha il proprio conto corrente perché, al di là dei vari discorsi su stress test e Bail In, basta anche un solo passo falso della banca per entrare nel circuito dei soggetti sottoposti a prelievo forzoso. Ricordiamoci che in Italia le banche non possono fallire, ma i correntisti sì. Detto questo, in base alle misurazioni riferibili al mese di febbraio 2017, gli istituti con un migliore CET 1 RATIO sono: Mediolanum, Credem e Banca Intesa.

 

Dopo il ”podio” degli istituti virtuosi, spiccano per solidità Ubi Banca, Banco Popolare, Mediobanca e si mantengono vicino alla ”soglia di tolleranza” anche Bnl e Credito Valtellinese. Viceversa, le bad bank italiane sono: Monte dei Paschi di Siena, Banca Popolare di Vicenza, Carige, Banca Etruria, CariChieti, CariFerrara e Banca delle Marche.

 

Un’ultima precisazione: pur fissando il CET 1 RATIO minimo all’8%, la BCE ha diffuso delle note in cui si considera a ”rischio” anche l’istituto con un indicatore inferiore al 9%. Nelle stesse indicazioni di lettura degli indicatori, la Banca Centrale ha individuato come poco virtuosi gli istituti che hanno un capitale investito superiore a 12,5 volte il valore del patrimonio netto.

Guide e Consigli per Investimenti sicuri

Investimenti diretti esteri cosa sono e perché sono importanti Investimenti diretti esteri definizione Investimenti diretti esteri cosa sono? Per investimenti diretti esteri si intende quel movimento di capitale che parte da un paese e ne coinvolge un altro, per mezzo del quale una impresa o un ente (sia pubblico che privato) partecipa in modo duraturo alle at...
Come investire i soldi nel 2018: le obbligazioni. Il rischio di investimento. Quali scegli... Come investire i soldi nel 2018? Il mondo degli investimenti è tanto affascinante quanto rischioso. Sono in tanti a promettere investimenti sicuri e guadagni certi a fronte di una spesa minima. Broker, siti specializzati, "professionisti", agenti di borsa che si spacciano per tali, trader. Il risch...
Come diversificare gli investimenti: i consigli per non rischiare Imparare come diversificare gli investimenti è oggi fondamentale, per il semplice fatto che il mercato azionario non fornisce più certezze solide come negli anni pre crisi, quando si poteva ancora investire la gran parte dei propri risparmi in azioni. Investire senza rischi: da dove cominciare Cap...
Migliori investimenti sicuri in borsa di giugno 2018: su cosa investire? Al giorno d’oggi è diventato difficile sapere con certezza su cosa investire senza andare incontro a spiacevoli conseguenze, in quanto i mercati sono in continuo subbuglio e l’operazione da non fare è sempre dietro l’angolo. Per questo molti investitori si sono sentiti scoraggiati e hanno preferito ...
Investimenti pubblicitari: credito di imposta. Incentivi e bonus fiscali Con la manovra correttiva 2017 del Governo, è stato possibile introdurre un’agevolazione fiscale per gli investimenti pubblicitari, vantaggiosa per imprese e professionisti. E' rivolta a coloro che investono in campagne pubblicitarie su media e mezzi di comunicazione come quotidiani, periodici, r...
Investimenti Sicuri. I migliori investimenti bancari, in titoli e azioni Investimenti sicuri Trattando un tema così delicato come quello degli investimenti sicuri vorremmo subito pensare alla quadratura del cerchio, cosa impossibile a realizzare. È anche vero però che lasciare un importante capitale, anche se non elevato, fermo su un conto corrente bancario senza la cer...
Investire in Arte: come vendere un quadro e guadagnare del denaro!   La ricerca agli investimenti sicuri non si ferma mai e oggi affrontiamo il settore degli investimenti in arte e collezionismo. Si tratta di una soluzione più sicura? Cosa bisogna fare per investire in arte? Come fare un investimento remunerativo acquistando un quadro di un pittore, anche c...