Investimenti accessori: cosa sono e perché sceglierli

Investimenti patrimoniali caratteristici e accessori: a cosa servono

Cosa sono gli investimenti accessori? Gli investimenti di natura patrimoniale di una impresa, di un ente o di una società possono essere caratteristici e accessori. I primi indicano quegli investimenti che vengono realizzati per sostenere o migliorare il processo produttivo, e che in un certo senso sono essenziali per la sopravvivenza stessa dell’impresa.

A questo punto è facile capire gli investimenti accessori cosa sono: tutto ciò che viene impegnato a fini di profitto, ma non riguarda “l’oggetto” dell’impresa.

Le attività che possono essere chiamate in causa sono numerose. Gli investimenti accessori possono essere divisi in tre categorie: durevoli, temporanei e finalizzati alla riduzione del rischio/aumento del rendimento.

Investimenti accessori durevoli, temporanei e finalizzati

I primi coinvolgono le grandi e piccole operazioni di acquisto di quote di capitale, integrazioni industriali e finanziarie. I secondi comprendono l’impiego delle disponibilità monetarie in eccesso in investimenti a breve termine. I terzi invece sono più articolati e si dividono a loro volta i tre categorie.

Le operazioni di prestito attivo, che sono erogati ad altre realtà produttive e possono a lungo termine o indiretti.

Le operazioni in titoli a reddito fisso. Di questa categoria fanno parte i titoli di Stato, la maggior parte delle tipologie di obbligazioni (emessi dal pubblico e dal privato). La remunerazione è periodica e predeterminata.

Molto banalmente, vengono rilasciate delle cedole. Le modalità di negoziazione possono essere a corso secco, in cui la quotazione corrisponde al valore del titolo; a corso “tel quel”, in cui la quotazione comprende anche gli interessi maturati dall’ultimo giorno di godimento; a corso ex cedola, nel caso in cui non ci fossero cedole in via di sviluppo.

Le operazioni in titoli a reddito variabile. A questa categoria appartengono invece quegli investimento che non danno certezza circa il rendimento e che, anzi, potrebbero persino risultare negativi e concretizzare delle perdite. Il classico esempio di operazione in titolo a reddito variabile sono le azioni, che tra le altre cose rappresentano un investimento temporaneo.

Investimenti patrimoniali accessori: alcuni esempi

La modalità di negoziazione tel quel può risultare complicata, quindi è bene procedere con un esempio. Poniamo un valore nominale di 100 euro, un corso secco di 86 euro, un tasso di interesse lordo del 5% e una data di godimento degli interessi al 1° febbraio e al 1° agosto. Ebbene, gli interessi maturati all’ultimo giorno di godimento sarebbero di 1,25 euro, per un importo erogato al venditore di 87,25 euro.

Se non è prevista la cedola, invece, il calcolo è più semplice. Ammettiamo un valore nominale di 100 euro e un valore di sottoscrizione di 88 euro, per la durata di un anno, con un tasso di interesse lordo del 5%. In questo caso l’importo riscosso alla scadenza sarà di 100 euro (88+12).

Guide e Consigli per Investimenti sicuri

Investire negli Etf: i vantaggi dei fondi Exchange traded Investire negli Etf: come funzionano i fondi Exchange traded Gli Etf (Exchange traded fund) sono fondi d’investimento con l’obiettivo di replicare l’andamento di un certo indice. Per questo, si dice che gli Eft sono caratterizzati da una strategia passiva. Ma come funzionano esattamente questi fond...
Fondi monetari Intesa San Paolo: analisi dell’offerta Fondi comuni: cosa sono Uno dei problemi che il mercato degli investimenti sta attraversando in questo periodo ha a che fare con il livello di rendimento. Attualmente, è troppo basso. Niente di imprevisto, per carità: la situazione odierna è determinata dalle scelte di politica monetaria (obbligate...
Come investire in Borsa da casa: guida al trading online Come investire in Borsa da casa facendo trading L’investimento in Borsa è un’operazione con cui si mira a ricavare un profitto dalla compravendita di azioni, titoli e altri prodotti finanziari. Un tipo di attività che per molti anni era affidata esclusivamente a Banche e professionisti della finanz...
Investire nel fotovoltaico conviene ancora? Guida agli investimenti Investire nel fotovoltaico conviene ancora? Questa domanda è al centro dell’attenzione di molte persone, che sono alla ricerca di alternative diverse dal mercato azionario per investire i propri risparmi tagliando le bollette e riuscendo contemporaneamente a fare qualcosa di utile per l’ambiente. F...
Investimenti immobiliari: le linee guida per fare profitto Investimenti immobiliari 2016: qualche consiglio L’investimento nel classico mattone, nonostante la crisi che tuttora lo riguarda, affascina chi è in possesso di capitale sufficiente ad acquistare. In questo periodo è bene muoversi con più astuzia che in passato, se non addirittura con una prudenza...
Dove investire nel 2016: i trend da seguire Dove investire nel 2016: i trend da tenere d’occhio Investire è sempre più difficile. Il motivo di ciò va rintracciato, da un lato, nella crescente interferenza delle autorità (es. le banche centrali) e, dall’altro, in una interdipendenza globale che ormai è diventato un fattore di imprevedibilità....
Investimenti a capitale garantito 2016: perché sceglierli Investimenti finanziari a capitale garantito: cosa sono Quali sono i migliori investimenti a capitale garantito 2016? Da quando la crisi finanziaria ha fatto il suo esordio e ha di colpo gettato nell’incertezza mercati ed economie reali, il panorama degli investimenti si è fatto più fosco. Le vecch...