Tassazione Capital Gain: trattamento fiscale dell’investimento per il 2017

Investimenti a lungo termine

Con il termine capital gain (guadagno in conto capitale o utile di capitale) si indica la differenza tra il prezzo di vendita e quello di acquisto di uno strumento finanziario. Solitamente viene associato al mondo dei titoli azionari, ma in realtà lo si può realizzare anche con altri strumenti finanziari, quali:

  • partecipazioni in società ed enti residenti e non residenti;
  • distribuzione eventuale di dividendi;
  • valute;
  • obbligazioni e i titoli di Stato ecc.

E’ una vera e propria forma di investimento di un titolo. Tuttavia, il capital gain è solo una parte del rendimento del titolo, poiché il guadagno è costituito anche da dividendi e interessi.

Capital gain: che cos’è

Il guadagno in conto capitale si realizza solo se si verifica una plusvalenza per l’investitore dello strumento finanziario. Facciamo un esempio: se si ha un titolo a 10€ e il suo prezzo di vendita è 20€, questo farà si che si verifichi una plusvalenza e, di conseguenza, un capital gain, di 10€.

Tuttavia, anche se si verifica una perdita, quindi il titolo acquistato a 15€ viene venduto a 5€, ci sarà un danno di 10€. Anche in questo caso si parla di capital gain.

Attenzione che, per poter parlare di guadagno in conto capitale è necessario che l’acquisto e la vendita dei titoli avvengano a titolo oneroso. Quindi le vendite di titoli acquisiti fatte tramite donazioni o eredità non contano.

Il capital gain può essere quantificato in due modi:

  • calcolo del rendimento assoluto tramite la differenza tra il prezzo di vendita e il prezzo di acquisto dello strumento finanziario;
  • calcolo del rendimento percentuale, rapportando il rendimento assoluto al prezzo di acquisto.

 

Tassazione Capital gain: qual è il trattamento fiscale?

Tutti gli interessi maturati dalla maggior parte degli investimenti sono soggetti a una tassazione statale che varia in base al tipo di investimento. Ad esempio i titoli di Stato e i BFP avranno una tassa inferiore poiché i rendimenti sono bassi, mentre conti deposito, ETF, forex ecc. avranno una tassa maggiore poiché permettono di guadagnare di più.

Il trattamento fiscale e la conseguente tassazione del capital gain in Italia varia in base al soggetto che realizza il guadagno in conto capitale, tuttavia, nella maggior parte dei casi, ammonta al 26%, percentuale introdotta dal Governo Renzi dal 1° luglio 2014.

Il capital gain rientra nella categoria reddituale:

  • dei redditi diversi, ossia quei redditi prodotti dalle persone fisiche che si trovano nella situazione prevista dall’articolo 67 lett. c e c-quinquies del TUIR, il Testo Unico delle Imposte sui Redditi;
  • dei redditi d’impresa per le aziende individuali e societarie. Le norme sul bilancio di esercizio impongono la rilevazione dei capital gain ovvero delle plusvalenze conseguite nell’ambito dell’attività imprenditoriale svolta.

Capital gain: dichiarazione dei redditi e versamenti

Chi realizza un capital gain deve prestare attenzione al regime fiscale scelto al momento dell’acquisto dello strumento finanziario:

  • se si è scelto il regime dichiarativo, l’investitore riceve il capital gain al lordo delle imposte. Di conseguenza dovrà calcolare e versare in autonomia le imposte in base alle scadenze previste per la dichiarazione dei redditi;
  • se l’investitore ha optato per il regime del risparmio amministrato, allora sarà l’intermediario finanziario a calcolare la ritenuta d’acconto alla fonte.

Guide e Consigli per Investimenti sicuri

Dove Investire Oggi: perché non pensare agli investimenti di lusso? Stando al Knight Frank Luxury Investment Index gli investitori attualmente preferiscono impegnare il proprio denaro nei gioielli. Infatti si registra un +4% dei prezzi dei preziosi a scapito invece delle auto d'epoca, che scivolano al sesto posto con prezzi medi che registrano solo un +2%. Dove Inv...
Investire in Obbligazioni: come investire e guadagnare Le obbligazioni o bond sono titoli di debito emessi da una società o da un ente pubblico per finanziarsi. L'investitore  che acquista un'obbligazione compra una parte del debito della società o di uno Stato e ne diventa creditore. Al termine della scadenza prefissata, egli percepisce gli interess...
Investimenti pubblicitari: credito di imposta. Incentivi e bonus fiscali Con la manovra correttiva 2017 del Governo, è stato possibile introdurre un’agevolazione fiscale per gli investimenti pubblicitari, vantaggiosa per imprese e professionisti. E' rivolta a coloro che investono in campagne pubblicitarie su media e mezzi di comunicazione come quotidiani, periodici, r...
Investire in Arte: come vendere un quadro e guadagnare del denaro!   La ricerca agli investimenti sicuri non si ferma mai e oggi affrontiamo il settore degli investimenti in arte e collezionismo. Si tratta di una soluzione più sicura? Cosa bisogna fare per investire in arte? Come fare un investimento remunerativo acquistando un quadro di un pittore, anche c...
I fondi di investimento ETF: cosa sono e come funzionano ETF è l’acronimo di Exchange Traded Funds, con cui si indicano una specifica tipologia di fondi d’investimento. Molto richiesti in borsa e soprattutto nel trading online, gli ETF, fanno parte degli ETP, Exchange Traded Products, cioè la macro famiglia di prodotti ad indice quotati. Si caratterizz...
Gestione Patrimoniale: come funziona, costi, vantaggi e svantaggi La gestione patrimoniale (GPM) è un contratto di investimento tra il risparmiatore e la banca tramite il quale si delega un soggetto terzo per la gestione del tuo patrimonio. E' chiaro che l'istituto bancario deve agire all'interno di alcuni limiti precisi,tra cui l’obbligo di acquistare solo titoli...
Come investire i risparmi: consigli utili ed errori da evitare Investire del denaro è sempre una scelta rischiosa. Anche optando per le proposte più sicure e affidabili, un margine di rischio è sempre presente. Tuttavia se avete qualche soldo messo da parte potreste voler capire come investire i risparmi riuscendo a guadagnare qualcosa. Come investire i rispar...