Tassazione Capital Gain: trattamento fiscale dell’investimento per il 2017

Investimenti a lungo termine

Con il termine capital gain (guadagno in conto capitale o utile di capitale) si indica la differenza tra il prezzo di vendita e quello di acquisto di uno strumento finanziario. Solitamente viene associato al mondo dei titoli azionari, ma in realtà lo si può realizzare anche con altri strumenti finanziari, quali:

  • partecipazioni in società ed enti residenti e non residenti;
  • distribuzione eventuale di dividendi;
  • valute;
  • obbligazioni e i titoli di Stato ecc.

E’ una vera e propria forma di investimento di un titolo. Tuttavia, il capital gain è solo una parte del rendimento del titolo, poiché il guadagno è costituito anche da dividendi e interessi.

Capital gain: che cos’è

Il guadagno in conto capitale si realizza solo se si verifica una plusvalenza per l’investitore dello strumento finanziario. Facciamo un esempio: se si ha un titolo a 10€ e il suo prezzo di vendita è 20€, questo farà si che si verifichi una plusvalenza e, di conseguenza, un capital gain, di 10€.

Tuttavia, anche se si verifica una perdita, quindi il titolo acquistato a 15€ viene venduto a 5€, ci sarà un danno di 10€. Anche in questo caso si parla di capital gain.

Attenzione che, per poter parlare di guadagno in conto capitale è necessario che l’acquisto e la vendita dei titoli avvengano a titolo oneroso. Quindi le vendite di titoli acquisiti fatte tramite donazioni o eredità non contano.

Il capital gain può essere quantificato in due modi:

  • calcolo del rendimento assoluto tramite la differenza tra il prezzo di vendita e il prezzo di acquisto dello strumento finanziario;
  • calcolo del rendimento percentuale, rapportando il rendimento assoluto al prezzo di acquisto.

 

Tassazione Capital gain: qual è il trattamento fiscale?

Tutti gli interessi maturati dalla maggior parte degli investimenti sono soggetti a una tassazione statale che varia in base al tipo di investimento. Ad esempio i titoli di Stato e i BFP avranno una tassa inferiore poiché i rendimenti sono bassi, mentre conti deposito, ETF, forex ecc. avranno una tassa maggiore poiché permettono di guadagnare di più.

Il trattamento fiscale e la conseguente tassazione del capital gain in Italia varia in base al soggetto che realizza il guadagno in conto capitale, tuttavia, nella maggior parte dei casi, ammonta al 26%, percentuale introdotta dal Governo Renzi dal 1° luglio 2014.

Il capital gain rientra nella categoria reddituale:

  • dei redditi diversi, ossia quei redditi prodotti dalle persone fisiche che si trovano nella situazione prevista dall’articolo 67 lett. c e c-quinquies del TUIR, il Testo Unico delle Imposte sui Redditi;
  • dei redditi d’impresa per le aziende individuali e societarie. Le norme sul bilancio di esercizio impongono la rilevazione dei capital gain ovvero delle plusvalenze conseguite nell’ambito dell’attività imprenditoriale svolta.

Capital gain: dichiarazione dei redditi e versamenti

Chi realizza un capital gain deve prestare attenzione al regime fiscale scelto al momento dell’acquisto dello strumento finanziario:

  • se si è scelto il regime dichiarativo, l’investitore riceve il capital gain al lordo delle imposte. Di conseguenza dovrà calcolare e versare in autonomia le imposte in base alle scadenze previste per la dichiarazione dei redditi;
  • se l’investitore ha optato per il regime del risparmio amministrato, allora sarà l’intermediario finanziario a calcolare la ritenuta d’acconto alla fonte.

Guide e Consigli per Investimenti sicuri

Fondi Pensione 2017: cosa sono, come funzionano e le migliori offerte Il tema della pensione è sempre piuttosto caro e dibattuto dai cittadini. I quesiti che si pongono gli italiani sono molti: "quando andrò in pensione? Terminerò mai di lavorare? Una volta terminata la mia carriera lavorativa potrò godere di una pensione?" Visto che l'incertezza e l'instabilità re...
Come guadagnare in Borsa? Guadagnare in Borsa è una delle soluzioni preferite dagli italiani che vogliono crearsi un nuovo reddito, garantendosi ulteriori entrate. Tuttavia, soprattutto tra i principianti, serpeggia una domanda: come si inizia a investire? Nel corso dell'articolo cercheremo di rispondere a tale quesito e di ...
Vivere di Rendita: è un sogno realizzabile? Vivere di rendita senza dover più lavorare è un sogno di molti, realizzabile sia se disponete di grosse somme di denaro, sia se possedete un capitale inferiore. E' necessario però tener presente tre concetti chiave, ossia: avere un capitale da poter investire, oppure crearselo; tenere co...
Investimenti Sicuri. Come trovare Investimenti Sicuri in Borsa. Info utili aggiornate a no... Come trovare investimenti sicuri in borsa Quando si parla di borsa e di investimenti sicuri in questo settore, occorre pensare a quello che ci si pone come obiettivo. Quindi lo scopo che ci si prefigge, il capitale che si ha a disposizione, che vogliamo investire e non vogliamo tenere in conto corr...
Investire in Arte: come vendere un quadro e guadagnare del denaro!   La ricerca agli investimenti sicuri non si ferma mai e oggi affrontiamo il settore degli investimenti in arte e collezionismo. Si tratta di una soluzione più sicura? Cosa bisogna fare per investire in arte? Come fare un investimento remunerativo acquistando un quadro di un pittore, anche c...
Minusvalenze: cosa sono e come funzionano Con il termine minusvalenze si intendono le perdite subite nell'investire una somma di denaro sui mercati finanziari, cioè la differenza negativa tra il prezzo di acquisto e quello di vendita di un prodotto. Minusvalenze e plusvalenze Quando si decide di investire in obbligazioni, in azioni o altr...
Gestione Patrimoniale: come funziona, costi, vantaggi e svantaggi La gestione patrimoniale (GPM) è un contratto di investimento tra il risparmiatore e la banca tramite il quale si delega un soggetto terzo per la gestione del tuo patrimonio. E' chiaro che l'istituto bancario deve agire all'interno di alcuni limiti precisi,tra cui l’obbligo di acquistare solo titoli...